Gli enzimi

Gli enzimi

Nel mondo dei nutrienti e degli additivi per piante è possibile trovare ogni sorta di strani e portentosi liquidi e polveri sparsi tra gli scaffali del vostro negozio abituale. Normalmente un coltivatore seleziona i nutrienti e gli ntegratori per la fioritura in base al loro contenuto nutrizionale. Sia che si tratti di nutrienti scelti direttamente in base ai valori di NPK, sia che si tratti di additivi complementari di p/k o cal/mag, questi prodotti diventano importanti per un coltivatore sulla base del beneficio che vedrà direttamente sulla sua amata pianta. Sareste pazzi a non comprare questi prodotti, non è vero? Poiché sapete che la vostra pianta ne ha fisicamente bisogno.

Per un coltivatore moderno non è scontato scegliere prodotti che abbiano risultati meno diretti e forse non del tutto evidenti, ma che offrano una vasta gamma di benefici fondamentali per la pianta che sarebbe illogico scartare. Gli enzimi sono uno di questi migliori esempi. Non è il tipo di prodotto relativamente al quale un coltivatore può facilmente immaginare quale beneficio otterrà realmente. Beh, rompiamo questo velo di mistero, che ne dite? Seguiteci per vedere esattamente che cosa sono gli enzimi e come trarne il massimo vantaggio.

Che cosa sono?

Li possiamo considerare come dei piccoli aiutanti biochimici. Sono dei piccoli missionari basati sulle proteine che nella vita vanno in giro con il solo scopo di aiutare altre molecole ad eseguire i loro vari compiti. Tutti noi ci siamo trovati in questa situazione, non è vero? Tutti noi abbiamo bisogno di aiuto ogni tanto, non è vero? Per esempio: se non fossimo aiutati nel compilare i moduli per ottenere i sussidi da parte del governo, non riceveremmo del denaro extra per andare al pub sotto casa. Ovviamente queste proteine non vanno in giro a compilare moduli, hanno compiti più importanti e molto più complessi.

Che cosa fanno?

Gli enzimi svolgono il ruolo di catalizzatori in quasi tutte le reazioni biochimiche. Velocizzano queste reazioni abbassando l’attivazione di energia richiesta dal substrato per reagire. Un esempio: la capacità del corpo di digerire e scomporre il cibo in una risorsa di nutrienti che il corpo stesso può realmente assorbire, dipende dagli enzimi. Senza la loro presenza questo processo avverrebbe così lentamente che moriremmo molto velocemente di malnutrizione, a prescindere da quanto cibo ingeriamo. Nessuna quantità di frullato proteico o di bevande energetiche sarebbe in grado di salvarci.

D’accordo, ma cosa sono in realtà?

In generale, gli enzimi sono costituiti da proteine e poi, se necessario, da un gruppo di molecole partner.

Le proteine sono costituite da catene di aminoacidi. Anche se, a rigor di termini, nella formazione di queste catene esse diventano residui di aminoacidi dal momento che perdono una molecola di acqua ogni volta che si verifica un legame.

Il Gruppo partner sarà:

  • Cofattori - Molecole (come ioni di ferro o di zinco) che incrementano il tasso di reazioni.
  • Co-enzimi - Molecole organiche (comunemente derivate da vitamine) che si legano liberamente agli enzimi e li aiutano nella loro funzione. Gruppo prostetico di Molecole organiche o ioni metallici che sono strettamente legati all'enzima, spesso da un legame covalente.

Gli enzimi
La forma fisica di un sito attivo che si adatta perfettamente al substrato. Ogni singolo enzima ha il suo proprio obiettivo.

Come funzionano realmente?

Le catene di proteine e i cofattori descritti sopra si possono combinare in ogni sorta di strana e meravigliosa forma. È questa forma e questa sola struttura tridimensionale che svolgono un ruolo importante nell’enzima risultante. Ciascun enzima ha il proprio sito attivo. Sono questi siti attivi che sono la base per la funzione degli enzimi.

Questo è ciò che è noto come il principio “Lock and Key”. Poiché ogni enzima ha una sola struttura tridimensionale ha anche un proprio sito attivo (the lock o serratura) e reagirà solo con un substrato di forma corrispondente (the key o la chiave). Altrettanto importante quanto la forma fisica di questo sito attivo, è la quantità e il tipo di siti leganti disponibili lungo la sua superficie. Come sappiamo, il sito attivo è composto da lunghe catene di residui di aminoacidi. Bene, gli amminoacidi che formano queste catene a loro volta hanno i propri gruppi laterali di aminoacidi che spuntano fuori, chiamati gruppi 'R'. Non è solo la quantità (comunemente tra 3 e 12) ma anche il tipo di gruppi 'R' che un sito attivo ha, che decide come reagirà con un substrato.

In questo modo, una volta che il substrato è posizionato perfettamente nel Sito Attivo (e ha formato i legami necessari con i gruppi 'R' richiesti) l'enzima dà una leggera spinta sul substrato agendo chimicamente. Ad esempio, un leggero cambiamento del pH può essere tutto ciò che serve. Tutto ciò che fa questo piccolo colpo biochimico è abbassare l'energia di attivazione per la reazione e permettere al substrato di dividersi nei suoi prodotti.

Un esempio classico che la maggior parte degli appassionati di idroponica conoscerà è il perossido di idrogeno (H2O2). L’ H2O2 si divide in acqua (H2O) e ossigeno (O2) grazie all'enzima chiamato Catalasi.

E 'quasi come un puzzle, ma con un grande colpo di scena finale: è come se voi aveste trascorso secoli con i pochi pezzi finali, ma per un’intera vita non foste riusciti ad incastrarli. Infine vi arrendete e andate su Youtube per vedere come farlo. Con queste informazioni catalitiche riuscite a completare il puzzle rapidamente e vi godete l´opera completata. Tuttavia, quando viene posizionato l'ultimo pezzo, l'intera tavola si frantuma di nuovo e si divide in tanti pezzi, pronti per essere utilizzati di nuovo.

Probabilmente potete immaginare che sia necessario essere molto selettivi quando si produce un enzima destinato a uno scopo particolare. Ogni enzima specifico è solo in grado di fornire il catalizzatore per una reazione specifica. Deve avere esattamente il sito attivo con la forma esatta, correggere le quantità di 'R' e avere il giusto gruppo partner altrimenti non catalizzerà nulla. Se qualcuno di questi fattori non è quello esatto, allora si ha un enzima inutile e potrebbe anche non legarsi. Un esempio pertinente per la coltivazione delle piante è il seguente: esse hanno bisogno di scomporre non solo le pareti delle cellule morte, ma anche la pectina che lega insieme queste cellule.

Benefici pratici della coltivazione con enzimi

Probabilmente stai pensando: "Tutta quella roba scientifica va bene, ma cosa significa in realtà per me e per le mie piante? Non mi interessano né i siti attivi né i gruppi 'R', voglio sapere quali benefici vedrà realmente la mia Begonia con il loro utilizzo" Beh, la risposta a questo riguarda alcuni enzimi con la capacità di aumentare il tasso di decomposizione della materia organica. A prima vista, questo sembra un processo abbastanza banale, al contrario è un processo che può avere effetti significativi sul rendimento generale della coltivazione in svariati modi.

Gli enzimi
Nella parte superiore del sito attivo di forma adeguata,deve essere posta la corretta quantità di legami R affinché la reazione sia possibile.

Miglioramento del ciclo dei nutrienti

Questo è forse il beneficio più evidente e produttivo che gli enzimi possono fornire alle piante. Le vostre piante hanno bisogno di nutrienti. Di questo potete esserne certi! Non spendereste centinaia di euro in bottiglie di liquidi per versarli alle vostre piante se non producessero dei benefici. Tuttavia non è solo quella bottiglia di liquido che può essere una fonte di nutrienti per la pianta. Racchiuso all'interno della coltivazione c’è una ricchezza di nutrienti che ha solo bisogno di una spinta particolare nella giusta direzione affinché tutto sia resa nuovamente accessibile alle piante.

La materia organica, i depositi di sali minerali e il materiale vegetale in decomposizione possono essere tutti scomposti dagli enzimi e riconvertiti in un formato vegetale disponibile.

Favorisce la crescita di batteri/funghi utili

Oltre a produrre nutrienti dalla decomposizione delle radici morte, gli zuccheri naturali vengono rilasciati anche nei terreni coltivati. Questi zuccheri provengono principalmente dalla decomposizione della pectina tra le pareti cellulari delle radici morte e per fare ciò hanno bisogno di enzimi molto particolari. Gli zuccheri naturali che ne derivano diventano la fonte di nutrimento ideale per continuare a proliferare e aiutare a mantenere l’area della radice fertile e sana.

Protezione contro gli agenti patogeni letali

Una rapida scomposizione e la successiva conversione della sostanza organica morta e in decomposizione di na parte della radice, permetterà di ridurre significativamente nelle piante il rischio di contrarre una malattia. Le radici morte e la materia organica in decomposizione sono le fonti di nutrimento che molti agenti patogeni useranno per avere un punto d'acceso alla tua painta. Di solito inizieranno con questo materiale decomposto per accumulare energia e poi continueranno attaccando la pianta che in altre condizioni sarebbe rimasta sana. Eliminando questa fonte di cibo iniziale, gli agenti patogeni non saranno in grado di espandersi così facilmente, lasciando così la pianta sana e vitale.

Favorisce una crescita sana delle radici

Con l'aumento della proliferazione di batteri utili al terreno coltivato, sarà anche possibile raccogliere i frutti del conseguente aumento della crescita e dello sviluppo delle radici. Tuttavia, non è solo la maggiore popolazione di microbi che aumenterà la crescita delle radici: l'utilizzo di alcune vitamine che compongono i co-enzimi favorisce la produzione di particolari ormoni nella rizosfera e aiuta a aumentare il più possibile la crescita della radice.

Gli enzimi
Il substrato si combina con l'enzima, che abbassa l'energia di attivazione della reazione e il substrato viene diviso nei prodotti che ne risultano.

Mantiene la struttura e l'integrità del suolo

La rapida scomposizione e rimozione del materiale in decomposizione mantiene sano e pulito tutto ciò che è contenuto nel tuo vaso. Non solo, ma questo significa che nessuno spazio viene inutilmente assorbito con la materia organica morta e in decomposizione. Con una quantità inferiore di materia fisica nel vaso ci si può aspettare un livello proporzionalmente più elevato di aerazione, ancora una volta favorendo una zona della radice sana e fertile. Ciò è particolarmente importante per i coltivatori che scelgono di riutilizzare i loro substrati di coltivazione per colture successive: con l’uso di enzimi è possibile riutilizzare, facilmente, un substrato di coltivazione.

“Break it all down for me” (Rompi tutto per me)

Oltre a creare opportunità per giochi di parola sconsideratamente esilaranti come il titolo di questo paragrafo, esistono effetti positivi di ogni sorta che l'uso di enzimi può avere sul raccolto. Ne abbiamo evidenziati solo alcuni in questo articolo, ma la lista non finisce qui. I vantaggi che si possono avere utilizzando un eccezionale preparato enzimatico non sono così tangibili come può essere un aumento consistente della fioritura, ma questo non significa necessariamente che essi siano meno importanti.

Speriamo che ora la vostra domanda successiva non riguardi l’uso o meno di un prodotto enzimatico. Ora dovrebbe essere fuori dubbio il fatto che le piante vi ringrazieranno per l'utilizzo degli enzimi. La domanda che ci si dovrebbe ora porre è la seguente: quale prodotto enzimatico si dovrebbe utilizzare? Senza dubbio sugli scaffali del vostro negozio abituale ci sono molti di questi prodotti e scegliere quello su cui investire sia il denaro che il tempo può essere un lavoro pretestuoso.

Innanzitutto ciò di cui bisogna essere certi riguarda l’efficacia del prodotto. Fortunatamente, c'è un modo molto semplice che potete testare da soli. Per il metodo completo si può andare sul nostro sito web e guardare uno dei nostri migliori scienziati che spiegano coma fare (li lasciamo uscire occasionalmente!). Tutto ciò che serve sono alcune tazze, carta, purea di mela, acqua e gli enzimi scelti. In pochissimo tempo sarete in grado di valutare i vostri enzimi come dei veri intenditore e consentirete solo ai migliori di aiutare le vostre piante.

Valuta questo articolo: 
Ancora nessuna valutazione